“Umani con umani e bestie con bestie”, Così diceva suo padre, quando lui la sera lo pregava di slegare il cane e farlo stare fra loro, vicino alla stufa. Con queste parole in testa il ragazzo marciava nella mattina umida, con la lupa legata alla corda che gli arrancava accanto.
Le nuvole scivolavano in banchi bassi e compatti dal crinale delle alture a nord, come pesanti coperte di lana bianca. Lui guardava quella bestia selvaggia e si chiedeva cosa le passasse per la testa…

La lupa era molto più tranquilla di quanto il ragazzo avrebbe potuto immaginare. Era l’odore di quel piccolo d’uomo a rassicurarla. Non odorava ne di paura ne di aggressività.
Il sentiero procedeva diritto, in leggera salita. Da un lato bosco rado, dall’altro l’erba dorata ancora alta lungo il margine del pascolo. La zampa le pulsava di dolore, non riusciva a metterci sopra il peso. Di tanto in tanto si fermava e la leccava per rimuovere la terra dalla ferita. Il ragazzo la lasciava fare e la osservava di traverso. Entrambi respiravano l’aria bagnata in silenzio, fermi, per qualche secondo. Poi tornavano a camminare.


Masterless / 2 giocatori / Nessuna preparazione / Meccaniche leggere al servizio di un cuore narrativo / One shot / 1,5 -2 ore di gioco


Shidee è uno story game in cui due giocatori raccontano il viaggio di una lupa e un adolescente.

I due muovono i propri passi in un mondo di spiritualità, riti e tradizioni. Ma anche un mondo di concretezza e sopravvivenza in cui il ciclo della vita si ripete inesorabilmente, talvolta con dolce poesia, talvolta con cruda ferocia. La fratellanza di una comunità tribale; la solitudine di chi ha perso tutto; il calore di un fuoco appartato; il gelo paralizzante di rapide impetuose…

Il gioco utilizza un sistema di risoluzione di conflitti con pool di d6, creando una dinamica di tensione tra le essenze dei due personaggi rappresentate dalle loro caratteristiche: Natura e Cultura

Natura ha a che fare con la sopravvivenza e l’utilizzo fisico del corpo.

Cultura ha a che fare con la pianificazione, l’interazione e la comunicazione.

I conflitti che i personaggi sono chiamati a fronteggiare si riferiscono a questi due ambiti e sono l’unico elemento che interrompe la narrazione libera, richiedendo di tirare i dadi per determinarne la risoluzione. Essi vengono introdotti nella storia attraverso un normale mazzo di carte e il riferimento a una tabella.

Persuadere / Perdonare / Resistere a qualcosa che vi vuole dividere

sono esempi di ciò che i giocatori sono chiamati a interpretare, narrare e risolvere attingendo al pool di dadi appropriato.

Avevano passato la notte nel cortile adiacente ai ruderi di quella che doveva essere una vecchia fattoria. Al mattino le braci del fuoco ancora calde, il sarape steso sul corpo a mo’ di coperta e la lupa sveglia di guardia, con la corda lunga legata al versoio di un vecchio aratro.

Una sola razione di fagioli. La colazione sarebbe stata un problema.Il ragazzo fece schioccare la latta aprendola. Pensò che, in fondo, quella grossa bestia avrebbe trovato qualcosa da mettere sotto i denti durante il giorno di cammino.Un invitante profumo raggiunse il tartufo umido della lupa ricordandole che aveva lo stomaco completamente vuoto. L’istinto era quello di lanciarsi sul cibo.

Poi un fruscio di foglie e rumore di sterpaglia. Entrambi abbandonarono i propri pensieri e condivisero uno sguardo d’intesa.
Verso il mezzogiorno, dopo non troppa attesa, erano riusciti ad usare i fagioli come esca per una trappola e si stavano entrambi godendo carne fresca di lepre.

Una meccanica di Aiuto permette alla lupa e al ragazzo di aumentare le possibilità di superare le prove alle quali saranno sottoposti nel cammino, ma aiutare il compagno di viaggio significa allontanarsi dalle proprie origini e dal proprio ordine simbolico: diventare meno umani, diventare meno animali.

Al termine del loro viaggio come saranno cambiati i protagonisti? La lupa tornerà a vivere nella natura selvaggia e il ragazzo nella civiltà?

Pubblicato e distribuito da TERRA DEI GIOCHI EDIZIONI, Shidee è disponibile in versione digitale e cartacea

Il manuale è composto da 40 pagine illustrate contenenti regolamento, ambientazione, esempi di gioco e suggerimenti su come approcciare l’esperienza ludica integrando libera narrazione e meccaniche.

Le splendide illustrazioni di Arianna Belotti catturano il sapore generale di Shidee guidando e ispirando i giocatori nel gioco anche attraverso il canale visivo.

La versione cartacea è uno spillato B5 (16.8 x 24 cm); copertina a colori e illustrazioni bianco e nero.

Ordinalo ora! Le prime 100 copie disponibili sono limited edition completamente a colori.

All’imbrunire avevano raggiunto la zona delle rocce rosse. Sembrava impossibile che pochi chilometri più a est potesse scorrere un fiume turchese e abbondante di vita, mentre qui c’era solo terra levigata dal vento.

Percorsero una stretta insenatura per vederla aprirsi su una grotta dalla forma di imbuto rovesciato. Si fermarono entrambi quando videro che al suo interno c’era un uomo. Era solo, seduto sulla terra compatta. Non sembrava sorpreso di avere ospiti.

L’uomo estrasse dalla tasca un’ocarina di legno e intonò una melodia.

Quando quel suono arrivò alle sue orecchie, il ragazzo sentì il suo fegato diventare leggero. Fu invaso da una tristezza antica. Era sua? Di quell’uomo? O forse dell’animale che si portava accanto? Ricordò una poesia vecchissima e perduta, o che forse non era ancora stata scritta. Poi si sentì così solo, e così parte di tutto, nello stesso istante.